Sailfish Secure: il punto della situazione

SSHDurante lo scorso MWC15 a Barcellona Jolla annunciava Sailfish Secure, una versione votata alla sicurezza del suo sistema operativo realizzata in collaborazione con SSH Communications Security. Da allora, tra Jolla Tablet, partnership con Intex e accordi con paesi del BRICS, poco si è saputo a proposito dello sviluppo di questa versione dell’OS.

Almeno fino a qualche giorno fa. Nel corso del mese di Ottobre, infatti, il sempre attento Simo Ruoho di ReviewJolla ha sentito Mika Lauhde, vice presidente di SSH, per fare il punto della situazione. Vediamo insieme cosa si sono detti nel corso di questa breve intervista.

Avete presentato Sailfish Secure con Jolla a Marzo al MWC15 a Barcellona. Che passi ci sono stati a riguardo?

SSH e Jolla hanno lavorato diligentemente insieme dall’annuncio della cooperazione. Sailfish OS ha dimostrato il suo impareggiabile valore quando è stato utilizzato come base per il sistema operativo sicuro, e siamo stati in grado di compiere rapidi progressi nella costruzione del telefono sicuro di prossima generazione.

In generale, su cosa si basa la sicurezza in un sistema operativo mobile?

Per costruire un sistema di comunicazione affidabile e sicuro, il sistema operativo di base dovrebbe non solo essere completamente trasparente per il cliente finale, ma avere anche un insieme di caratteristiche che possano competere con le funzionalità degli attuali top di gamma. Sailfish OS è una piattaforma molto robusta per cui SSH Communications Security è stata in grado di costruire un nuovo tipo di architettura per le comunicazioni sicure.

Per quale tipo di clienti Sailfish Secure potrebbe essere un’opzione da tenere in considerazione?

Tutti gli utenti di smartphone dovrebbero essere consapevoli della sicurezza delle loro comunicazioni. I primi potenziali acquirenti nel mercato della telefonia sicura sono le organizzazioni del settore pubblico, seguite da vicino da parte delle imprese e di altre organizzazioni del settore privato. Il telefono sicuro di Jolla e SSH è utilizzabile come un qualsiasi smartphone e sarebbe quindi idoneo a garantire la sicurezza nelle comunicazioni quotidiane di qualsiasi utente mobile.

Vedremo una versione beta pubblicata ad un certo punto o il prodotto è finalizzato come progetto interno? Se testato da parte di esterni, come vengono scelti?

Nel mercato della telefonia sicura, che si rivolge a governi e utenti aziendali, di solito le prove vengono effettuate dagli acquirenti. In altre parole, test interno per casi d’uso interni. Se apriremo ai test esterni, il che ha chiaramente alcuni vantaggi, è ancora da vedere.

Qual è il piano attuale per una prima release (beta o finale)?

Questo è molto difficile da stimare dal momento che i processi di acquisto e collaudo in questo particolare settore di prodotti sono spesso approfonditi e piuttosto lunghi.

Cosa pensate di Sailfish Secure? Ritenete che Jolla riuscirà a fare breccia nel settore governativo o enterprise? A voi la parola.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento